FESTIVAL

La 23ma edizione del festival Autunno Danza persegue l’ambizione – indisciplinata e nativa – di restituire centralità al corpo e alle sue narrazioni.

Il corpo è il luogo che abitiamo quando abitiamo gli spazi. Soggetto, strumento, soglia e orizzonte è da esso – quindi dall’umano – che dipartono e si ramificano, in una molteplicità indefinita di direttive, le miriadi di traiettorie dei segni del gesto. Dai movimenti corali di un quartetto maschile al coacervo di energia di un solo femminile; segni che transitano e creano arabeschi, vortici e vertigini di senso.

Nel cartellone prime nazionali, giovani promesse della scena italiana che convivono accanto ad autori di fama internazionale; coreografe che hanno lasciato traccia nella storia della danza, ma anche lavori per i più piccoli. In dialogo con la musica contemporanea, arti visive e teatro, il programma di Autunno Danza si articola su due luoghi, per otto settimane, proponendo quattro workshop. Ribadire l’autorevolezza del corpo significa celebrarne il valore politico e il portato eversivo, nei processi di liberazione del quotidiano e dell’arte.

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continua ad utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookies oppure ottieni. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi